Tanta voglia di Ramen, la ricetta veg

Tanta voglia di Ramen, la ricetta veg

ramen vegetariano, ramen recipe, ramen vegano, come fare il ramen, ramen facile, ramen veloce, cucinare il ramen, voglia di ramen, ramen, cucina giapponese ricette, ricette giapponesi, ramen ingredienti, naruto ramen, ramen calorie, lo studio della civiltà e cultura giapponese, come si dice ciao in giapponese, evviva in giapponese, ramen salsa di soia, ramen miso, ramen latte di soia
La ricetta del ramen vegano e vegetariano la trovate su YouTube

Un ragazzo con cui mi vedevo quando avevo vent’anni era stato in Giappone e mi aveva invitata a tornarci, come amici. La faceva così facile che quasi un po’ ci credevo che sarebbe stato in qualche modo possibile ma all’epoca non avevo veramente una lira e la cosa finì lì, sia con il tipo che con quel possibile viaggio da sogno.

Sono finita in Giappone quasi due decenni dopo quei baci e anche dopo la fine del mio amore per i manga ma quella per la terra del sol Levante non era una passione passeggera bensì un sentimento fatto di fedeltà.

Le stradine di Osaka, le viste mozzafiato di Kobe, Hiroshima con la dome, Nara, le città del nord oltre Sendai, i vicoli, i locali minuscoli, la gente, il silenzio lontano dal traffico, le cicale, le libellule, gli onsen, i konbini, il rumore dello Shinkansen e le musichette alle stazioni.

Tutto ciò è puro amore.

Ci sono tante cose che mi fanno pensare che non potrei vivere laggiù  – se non per un anno o due – ma di certo il cibo non è una di quelle.

Trovo infatti la cucina Giapponese una tra le più buone al mondo e sia io che mio marito prepariamo spesso piatti che raccontano quella terra meravigliosa.

Non per nulla ho realizzato su YouTube un tutorial su come preparare futomaki, uramaki (sushi) e onigiri e poi ci ho fatto anche una diretta per farlo assieme: sono ricette che fanno parte di me.

Sushi Vegano e birretta

E’ amore, un amore che passa per i piatti facendoli diventare non più esoticherie ma sapore di casa tua, quella che hai scelto e costruito.


Da mostly vegan (vegetariana da due decadi) non è stato però sempre semplice nutrirsi in Giappone e mentre ero lost in translation ho mangiato qualcosa che non avrei voluto ma nel mentre – migliorando le mie ordinazioni – raffinavo il palato, facendo due più due per una possibile lista della spesa.

Cucinavo già il ramen a modo mio in casa ma dopo il mio mese nipponico ho capito e perfezionato la ricetta della quale andiamo ghiotti.

La ricetta del mio ramen vegano (ed anche vegetariano, pensa!) lo trovi su YouTube ma in questo post vorrei omaggiare la gentilezza del caro amico Shin che pazientemente ha tradotto per me una ricetta autentica.

Se la parola con la V vi fa venire l’orticaria e di vegan volete solo i pomodori sulla bruschetta, è presto detto cosa potete cambiare: aggiungere e cucinare il maiale molto a lungo e usare la salsa dashi (a base di pesce) che troverete in qualsiasi piatto giapponese. Banzai, che vuol dire evviva in giapponese!

Basta poco per personalizzare una ricetta come il ramen, non fatevi intimorire e provate a farla vostra.

Se siete curiosi di assaporare un ramen vegano 100% autentico, ecco la ricetta tradotta dal nostro caro amico di Tokyo, che ci aspetta – coronavirus permettendo – per Aprile 2021.

Buon appetito o per dirlo in giapponese, itadakimasu, che esprime gratitudine per il pasto ricevuto.

Ramen Vegano, ingredienti per due persone

Mezza cipolla
2 spicchi di aglio
5 cm di alga kelp
2 cucchiaini di sesamo tritato
4 funghi shitake
4 tazze di acqua
2 tazze di latte di soia
2 cucchiai di pasta di miso
2 cucchiaini di soia
2 rametti di broccoletti
4-5 rametti di erba cipollina
Mezza alga nori
Schichimi, peperoncino giapponese disponibile qui
Olio di sesamo
Ramen noodles

Ramen vegano e vegetariano, la ricetta

1. Cuocere la cipolla tagliata e l’aglio sminuzzato per 5-10 minuti in una casseruola con l’olio di sesamo.

2. Aggiungere il sesamo tritato, l’acqua, l’alga kelp, i funghi shitake e lasciar bollire per 10 minuti.

3. Aggiungere il latte di soia, la salsa di soia e la pasta di miso.

4. Cuocere 20 minuti e versare in una ciotola.

5. Cuocere i noodles in una pentola con acqua bollente, scolarli e metterli della ciotola con gli altri ingredienti.

6. Decorare con erba cipollina sminuzzata, schichimi (nel brodo da dipendenza!) e alghe nori.

7. Spazzolare la ciotola!

Risultato finale del nostro ramen a base di latte di soia
Ricetta per il Green Curry ed il Red Curry Thailandese

Ricetta per il Green Curry ed il Red Curry Thailandese

Tom Yum Soup by Me

Siete stati al ristorante sotto casa e avete lasciato il palato sopra al red curry thailandese ma non sapreste come farlo a casa? Vi capisco e sono qui per questo!

Questa estate sono tornata in Asia per un mese perché l’Asia mi chiama da sempre ed è lì che mi sento la straniera – mai la cittadina come invece mi capita in Europa – più felice del mondo.

Di quel viaggio mi riprometto di parlare presto per raccontarne le sfumature più dolci e quelle più dolorose ma oggi torno sul blog con le ricette di due piatti Thailandesi che amo moltissimo e che ho imparato a cucinare in quel di Chiang Mai.

In questo post avrete due opzioni e ben quattro ricette Thailandesi.

Potrete infatti decidere di cucinare partendo dalla realizzazione dei pesti o prendere quelli già pronti e dedicarvi solo al brodo.

Sta a voi, ma nel dubbio qui troverete tutto quello che vi serve per cucinare una ottima cenetta thailandese.

Pronti? Iniziamo dai pesti!

Pesto rosso o red paste thailandese

Ingredienti:

8-10 peperoncini thailandesi rossi.
6-8 spicchi di aglio
80 grammi di cipolle
Un pizzico di cumino in polvere
Un cucchiaio da cucina di miso
20 gr Citronella, possibilmente fresca
60 gr Galangal
2-3 foglie di Kafir lime

Procedimento:

  1. Lasciare in acqua i peperoncini per 15-20 minuti e aspettare che si ammorbidiscano.
  2. Aggiungere tutti gli ingredienti nel mortaio e pestare per 30 minuti. Sì, 30 minuti sono tanti ma la nostra insegnante consigliava un’intera ora. Alzate la mano se non pensate di potercela fare. Ecco, a voi basterà frullare tutto per 1 minuto, il sapore non sarà perfetto ma avrete risparmiato un bel po’ di tempo.
Red Paste: Gli Ingredienti, red curry thailandese
Red Paste: Gli Ingredienti

Pesto verde o green paste thailandese

Ingredienti:

6-8 peperoncini verde thailandese
6 Foglie di basilico dolce (non il nostro! Cercate il basilico thai.)
6-8 spicchi di aglio
10 foglie di coriandolo (se non amate questo sapore, non mettetele!)
80 grammi di cipolle
Un pizzico di cumino in polvere
Un cucchiaio da cucina di miso
20 gr Citronella, possibilmente fresca
60 gr Galangal
2-3 foglie di Kafir lime

Procedimento:

Esattamente come per il red curry. Sorpresi? Io no, sono semplici pesti! Una volta che avrete trovato gli ingredienti non sarà difficile preparare questo buon pranzetto.

Green Paste: gli ingredienti, Green paste thailandese
Green Paste: gli ingredienti

 

Green curry Thailandese ricetta
Nel mortaio in attesa di essere pestati

Parliamo invece del procedimento per portare a tavola un buon curry thailandese, indipendentemente da se il pesto lo abbiate fatto voi o comprato.

Ecco qui la ricetta che aspettavate!

Red e Green Curry, la ricetta

Ingredienti:

1-2 cucchiai da tavola di olio di semi
6 cucchiai da tavola di acqua
6 cucchiai da tavola di latte di cocco
1 cucchiaio da tavola di salsa di soia
1 manciata di vegetali a vostra scelta (carote, broccoli, fagiolini…)
Foglie di basilico dolce thailandese a piacere.
1 foglia di kafir lime
1 spicchio di galangal
1 citronella a pezzi
1-2 cucchiai da cucina del vostro curry preferito (verde o rosso)
1 cucchiaino di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di dado ai funghi se siete vegetariani o vegani, lo stesso quantitativo di pesce se mangiate tutto.
1 lime

Procedimento:

Per questa ricetta sarà necessario avere un wok (pentola popolare in Asia di forma semisferica) ma nulla vi vieta di provare con una pentola profonda.

  1. Mettete l’olio di semi nel wok.
  2. Aggiungete le foglie di kafir lim, il galangal, la lemongrass tagliuzzata e la curry paste e… friggete finche’ non uscirà un gran profumino ma senza bruciare tutto!
  3. Aggiungete 3 cucchiai di latte di cocco ed i vegetali e girate per 5-8 minuti.
  4. Aggiungete altri 3 cucchiai di latte di cocco, l’acqua ed il dado in polvere.
  5. Portate il liquido a bollire.
  6. Aggiungete la salsa di soia, lo zucchero e continuate a lasciar bollire finche’ le verdure non saranno cotte secondo il vostro gradimento. Il consiglio è di lasciarle un pochino indietro e non farle lessare.
  7. Spegnete il fuoco.
  8. Aggiungete il basilico dolce thailandese.
  9. Versate nelle ciotole.
  10. Decorate a piacere, con latte di cocco, basilico dolce thailandese e peperoncino rosso. Aggiungete il succo di lime per avere un sapore strepitoso.
Red Curry Thailandese la ricetta
Red Curry Thailandese

 

Green Curry Thailandese - La ricetta
Green Curry Thailandese

Non vi sentite pronti per vincere MasterChef Thailandia? Forse no ma spero queste ricette possano esservi utili.

Sono state pensate per essere mangiate da vegani e vegetariani ma se amate la carne potete aggiungere dei dadini di pollo nel wok al punto 4 e usare il brodo di pesce invece di quello vegetale. In quel caso, non aggiungete la salsa di soia.

Se invece avete perso l’uso delle papille gustative e amate il coriandolo, potete aggiungerlo sia nel brodo – in fase di cottura – che alla fine come guarnizione. Personalmente penso che basti il basilico e che i due sapori siano troppo forti assieme ma i gusti sono gusti!

Il curry thailandese si sposa bene accompagnato dal riso ma se lo lasciate lento andra’ bene anche come zuppa che potrete ulteriormente arricchire, in base al vostro gusto, con ginseng thailandese, curcuma o aggiungendo la buccia del kafir lime.

 

Che dire?

Taggatemi e mandate foto dei vostri esperimenti e scrivetemi per maggiori informazioni. Che non vi prometto niente ma avrei altre ricettine imparate tra Giappone, Thailandia, Cambogia, Vietnam e Cina… stay tuned!