Il servizio de Le Iene sugli attacchi con l’acido a Londra, Regno Unito

Il servizio de Le Iene sugli attacchi con l’acido a Londra, Regno Unito

acido in faccia in uk, le iene acido in uk, attacco con acido a londra, attacco londra acido, le iene acido londra
Andreas Christopheros subì un attacco con acido, in Cornovaglia (non Londra), per uno scambio di persona. Photo Credits: Le Iene

Avete visto il servizio del Le Iene sugli attacchi con acido? Io no ma ho dovuto farlo dopo aver letto decine di messaggi allarmati nei vari gruppi degli Italiani qui in UK.

Incuriosita, ho guardato il servizio sugli attacchi con l’acido a Londra ed ho notato che tutte le informazioni sono vere ma:

  • Spesso basate su articoli del Sun, un giornale famoso per non essere esattamente di inchiesta. Hanno tradotto e citato come loro pensieri delle frasi intere, il che mi ha fatta un po’ pensare.
  • Hanno intervistato diversi dei personaggi di una inchiesta del 2017 di Vice, lasciandomi – di nuovo – pensare di aver investigato poco ma copiato molto. Sì, c’è anche l’ex membro delle gang ormai pentito ed in cerca di denaro.
  • Proprio Vice pubblicava le statistiche che dimostrava un generale aumento della violenza tra i criminali londinesi, con incrementi negli attacchi di acido e con coltello. Entrambe soluzioni economiche.
  • L’attacco con acido non avviene ovunque per strada ma in alcune zone di Londra piu’ che in altre. C’è da essere sereni? No, rimane un atto ignobile ma avrebbero dovuto dirlo per esser chiari invece di gettare quell’ombra possibilistica.
    Hanno invece preferito parlare di gioco più che sottolinearne la modalità criminale.
attacco con l'acido in uk, gioco con acido in uk, le iene a londra, a londra attacchi con acido, londra le iene acido, faccio come mi pare
Credits: CNN
  • La parola acido vuol dire molte cose e rientra in questa categoria anche l’ammoniaca che brucia ma raramente rovina permanentemente la pelle.
    Infatti, si pensa che diversi di questi attacchi non vengano dichiarati proprio perchè non rimangono segni sul viso.
    Cosa cambia? Poco, è una pratica che non dovrebbe esser fatta MAI ma…
  • Ma in Italia abbiamo casi divenuti tristemente noti per aver usato ben altro che l’ammoniaca. Nel 2013 una inchiesta del sole 24 ore riportava un aumento degli attacchi del 120% ed un numero di “soli” 27 casi.
    Chiaramente una differenza enorme se si pensa che nello stesso anno a Londra gli attacchi erano stati 431 ma in termini di tipologia di acido ci sarebbe da farsi due domande per avere un quadro più chiaro.
  • Se questa pratica viene solitamente considerata una arma meschina per omuncoli in cerca di vendetta contro una donna, la realtà qui in UK è un’altra. Come detto nel video, riguarda soprattutto le bande di criminali ed infatti sono gli uomini ad essere più vittime di questo orrore.
    Non proprio come in Italia o in altri paesi del mondo.
le iene, attacchi con l'acido a londra, le iene acido londra, le iene inchieste, le iene bufala o verita', faccio come mi pare, il blog di chi vive all'estero
Credits: BBC
  • Sentendo questi numeri non sono stupita e non ho cambiato idea su Londra e le sue problematiche. Come detto qui più volte, la mancanza di stimoli, la povertà ed il problema con alcool e droga porta molti – molti – a vivere nella devastazione, qui in UK.
  • E’ poi vero che chiunque può comprare quei prodotti visti nel video ma di nuovo, non hanno spiegato che tipo di acido e neanche detto che i controlli, in cassa, vengono fatti per davvero.
  • E’ attualmente in Parlamento l’intenzione di classificare l’acido solforico come potenziale arma, in modo che si debba avere la licenza per poterlo acquistare. Anche questa informazione sarebbe stata interessante sentirla così come conoscere le pene inflitte mediamente per questi crimini.

Temo che Le Iene abbiano giocato molto sul parlare generalmente di acido senza spiegare bene le differenze in termini di potenza corrosiva. In termini di scoop potrei capirlo ma trovo grave l’aver fatto passare il messaggio che in caso di attacco con l’acido basti bagnarsi con dell’acqua per non avere danni permanenti.

L’acqua va sempre versata in abbondanza ma i danni sulla pelle dipendono dal tipo di acido e avrebbero dovuto dirlo per informare meglio.

Sia William Pezzullo che Lucia Annibali si bagnarono la faccia ma quel tipo di acido non lasciava speranze in termini di danni permanenti.

Arrivati fin qui potete fare una cosa bella e seguire la pagina di Facebook di William e contribuire alla sua raccolta fondi.
Questo ragazzo non puo’ uscire di casa dal 2012 e se andrete sulla sua pagina ne scoprirete i motivi.

Annunci

17 pensieri su “Il servizio de Le Iene sugli attacchi con l’acido a Londra, Regno Unito

  1. Non amo questo genere di programmi, non amo le Iene. Sono un programma inutile e anche dannoso, a mio avviso fanno solo della gran disinformazione.

  2. Gli inglesi sono molto molto irosi e sbevazzoni… è nella loro natura. Io ho vissuto per un periodo a manchester e ho visto di cosa sono capaci. Si accendono come falò dopo due birre … meglio non farli incavolare o guai e se succede qualcosa tutti se ne fregano… quindi bisogna anche capire questo tipo di contesto sociale che è completamente differente dal nostro perché là le famiglie sono così.. il livello di cultura e di benessere è inferiore al nostro e il disagio sociale è altissimo. non c’è da stupirsi di questa nuova moda lì.

  3. A me le Iene piacciono invece, tendono a mettere in evidenza fatti e problematiche di cui spesso si parla troppo poco. Grazie per aver analizzato approfonditamente questo servizio!

  4. Non ho visto il servizio in tv, ho letto qualcosa in rete. Ma le Iene ultimamente sono diventate un programma di poco superiore a quello che potrebbe essere Striscia la Notizia…

  5. in linea di massima, la trasmissione mi piace. Non ho visto questo servizio, però mi ha incuriosito la tua analisi e andrò a vederlo per capire meglio anche il loro punto di vista !

  6. Grazie per aver analizzato meglio la situazione di come hanno fatto in trasmissione. Mi sembrava strano di non aver letto tutto questo sui media più attendibili e ora ho capito perché.

  7. Da qui non seguo più le Iene, ma anche in Italia avevo iniziato a non guardare più i loro servizi perchè mi ero resa conto che non era tutto vero, non approofndivano e davano solo un punto di vista. Al di la di questo, grazie per averlo analizzato così bene (è questo che dovrebbero fare i veri giornalisti!) e sono sempre schioccata da queste azioni, fanno riflettere molto sui valori della società di oggi!

  8. Davvero interessante la tua analisi. Ho seguito il servizio ma in maniera distratta, il programma Le Iene mi è un po’ scaduto perché da qualche tempo ho notato più spettacolarizzazione dei casi piuttosto che reale inchiesta giornalistica a scopo di informare il pubblico. Quando si trattano argomenti del genere è giusto approfondire e non trattare nessun aspetto con superficialità. Grazie per il tuo post.

  9. L’ho seguitp in tv il servizio che hai segnalato e sinceramente mi sono venuti i brividi per tutto ciò che è stato detto. Ti ringrazio per aver dato ulteriori informazioni su questi atti di violenza, che a mio avviso vanno condannati in ogni caso.

  10. io ho visto il servizio e sono inorridita da tanta cattiveria e da come non ne venga vietata la vendita dell’acido, povero quell’uomo con la vita distrutta per uno scambio dio identità

  11. Non ho visto il servizio, guardo raramente Le Iene. Non voglio farmi un’opinione non ho abbastanza info. Però questa storia dell’acido è preoccupante.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.