LA VERITA’ (MIA) SUL CLIMA IN SCOZIA

LA VERITA’ (MIA) SUL CLIMA IN SCOZIA

Faccio come mi pare, clima scozia, clima scozzese, agosto in scozia, luglio in scozia, giugno in scozia, estate in scozia, freddo in scozia, pioggia in scozia, sopravvivere all'estero

Sono arrivata in ufficio che l’acqua mi scendeva dalle maniche, come un fiumiciattolo, l’avevo dentro i pantaloni, dietro al collo e attorno alle braccia. I capelli ormai senza più una forma ed i piedi fradici. Avrei dovuto prendere un uber questa mattina, non avrei dovuto farmi i miei 40 minuti a piedi in queste condizioni e mai lo avrei fatto in vita mia, ma vivo in Scozia e questa è la mia vita e questo post lo scrivo così, da infreddolita e bagnata, nel mese di Agosto.

Le scarpe ad asciugare sul termosifose acceso dal collega scozzese, quello che ha freddo in Agosto, malgrado le leggende.

C’è un dovuto disclaimer prima di leggere e commentare questo post, non dovete darmi ragione ma vi chiedo di provare a mettervi nei miei panni e capire che per me questo clima è un dolore, non mi fa ridere, nel freddo non mi accoccolo vicino al caminetto, nel freddo esco di casa per lavorare e idem se piove o nevica.  Questo non accade un giorno, per una settimana, un mese o un semestre. Questo accade spesso. Non provo meraviglia nel calpestare la terra umida, non apprezzo i pantaloni sporchi di fango, non provo gioia nello scivolare su ghiaccio o acqua, non amo svegliarmi con il buio pesto e veder calar la notte nel pomeriggio, in inverno. Non trovo caratteristico il cielo grigio e neanche la nebbia, non c’è nulla che mi faccia dire come sia fantastico il meteo di qui quando è una settimana che piove.

Non mi sentirò in colpa per questo, è la mia vita e la conosco solo io e del clima scozzese NON sono innamorata.

faccio come mi pare, clima in scozia, piove in scozia, fa freddo in scozia, scozia, vivere in scozia
Adoro l’estate in Scozia. Quest’anno era un Mercoledì. @web

 

Prima di trasferirmi già mi conoscevo bene e non avevo dubbi su cosa avrebbe voluto dire per me vivere senza sole né sandali per quasi 12 mesi l’anno. Non potevo immaginare pero’ che non avrei vissuto solo senza estate ma anche con pochi colori attorno grazie al monocromo della città di Aberdeen, dove solo qualche porta di casa è colorata. Non avrei immaginato il riscaldamento acceso a Maggio. A Giugno. E di nuovo ad Agosto.

In Australia stava per tornare l’inverno quando scoprimmo che ci avevano presi all’Università ed eravamo reduci da una estate che sembrava un phon orientato contro il viso, soffocante. Un caldo che non avevo mai provato neanche in Africa, era un caldo diverso, che toglieva l’ossigeno nell’aria.

A me andava bene così, sapevo dell’esistenza delle stagioni, durante l’estate faceva freddo ed in inverno ecco che tornava il sole, per vederci tutti in spiaggia a festeggiar con i cappelli rossi da Babbo Natale.

Era un ciclo fatto di ragionevoli cambiamenti e sfumature che dal caldo portano al freddo e di nuovo al caldo. Lo trovavo naturale come l’Agosto ed il Gennaio di Roma, che sai arriveranno, li temi eppure come vengono ecco che passano.

Dello Scozia non mi era mai importato nulla, non ero una di quelle che dice “questa estate hiking in Irlanda“, no, io in estate preferivo andare in posti ancora più caldi di Roma, per prendere il sole, fare escursioni belle e tornare al mio libro. Mai sotto l’ombrellone, sempre a contatto con la luce. Sapevo che una volta ad Aberdeen tutto questo sarebbe sparito, avevo letto le statistiche, avevo contato i giorni di pioggia e visto le temperature ma una cosa era sapere, un’altra era toccare con mano quel cambiamento.

Per farmi forza leggevo il blog di quella che per me era la dea della caccia trasferitasi in Scozia, Riru Mont che si arrampicava tra le colline di Glasgow come una amazzone, i capelli al vento, il viso soddisfatto. Aveva le scarpe da trekking, i pantaloncini, le cosce tornite e le leggevi la felicità di vivere proprio lì, proprio in Scozia.

Leggevo i suoi post e cercavo di vedere al positivo, mi aggrappavo a tutto quello che potevo per iniziare con il piede giusto malgrado i mille dubbi.

Poi mi sono trasferita, sono arrivata il 16 Luglio del 2015 e mi ha accolto un freddo che mai dimenticherò, con una pioggia che tagliava il viso come lame. Ho detto più volte che per la prima volta, in quella occasione, pensai che non ce l’avrei fatta, che sarei voluta tornare in Italia, che avrei voluto piangere.

Sono rimasta, ci ho provato, ho pianto, ho combattuto, ho riso e ce l’ho fatta.

Ma nulla mi fa dimenticare che questo clima non è il clima che vorrei per me e che probabilmente non lo vorreste neanche voi, se poteste scegliere e zittirmi a colpa di “ehh, ma la Scozia è così”  o di “beata te” non mi aiuta e non capisco a cosa serva a voi.

Che sì, verso Agosto improvvisamente tutti invidiano il mio dover indossare il cappotto ma forse non sanno cosa voglia dire DOVER uscire indossandolo quasi tutto l’anno e aspettare il WE per ritrovarsi, quasi matematicamente, fregati da un tempo da lupi. E cosi’ quello dopo e quello dopo ancora. Non sanno cosa voglia dire svegliarsi con il buio dell’inverno e vedere il giorno morire nel pomeriggio, senza aver peraltro nulla da fare in una città come Aberdeen che al coperto, dopo le 5, ha solo il cinema ed il centro commerciale.

Mancanza di empatia e giudizi facili a parte, io capisco l’entusiasmo del turista, quello che becca una giornata di sole e pensa di saperla lunga, quello che scrive “e poi dicono che ci sia brutto tempo” sulla sua bacheca così come conosco persone che si sono rassegnate alla carenza di vitamina D, che ammettono di essere perennemente depresse (chimica ragazzi, non baggianate) e altre che amano il fatto di avere spesso giornate miserabili, che della Scozia apprezzano ogni lato e sfumatura. Capisco persino quelli del “ehhh, ma ieri era bel tempo“, come se a tutti bastasse quel ieri per far pace con un clima simile

Siamo diversi, ci sta, e ci sono decine di ragioni per la quali ti consiglierei di vivere qui come ci vivo io ma il clima scozzese non è per tutti ed è qualcosa che dovresti valutare prima di trasferirti.

Io comunque ora sono qui e ci provo.
Non è sempre facile, per me non lo è per niente, e mi voglio troppo bene per fingere che non sia così.
.

Faccio come mi pare, clima scozia, clima scozzese, agosto in scozia, luglio in scozia, giugno in scozia, estate in scozia, freddo in scozia, pioggia in scozia
La mia settimana di Ferragosto, Edimburgo

 

 

Annunci

60 pensieri su “LA VERITA’ (MIA) SUL CLIMA IN SCOZIA

  1. Pensa che io sono già in crisi perché sta finendo agosto e arriverà l’autunno. Io sono nata per vivere in un posto dove c’è sempre il sole, ad Aberdeen starei male, giuro, ma di brutto.

  2. Il salto da Roma a Zurigo è duro, meno caldo, molto meno sole (vitamina D obbligatoria anche qui) ma, leggendoti, mi sento alle Maldive! Soprattutto quest’anno che ha fatto un mese senza piogge e con temperature sopra i 30! Insomma, vieni da meeee ❤️

    1. Anche qui hanno parlato di due giornate da 30 gradi ma io mi fido solo di Google e lui diceva 27. ABBUGGIARDI! XD

  3. Io sono sempre stata una persona che ama l’autunno e non sopporta il caldo, anzi che odia proprio l’estate! Però il tuo post mi ha fatta riflettere. Se pensassi di vivere perennemente in un luogo che piove non so se reggerei davvero! La Scozia comunque resta il mio sogno 🙂 (ci sono stata 4 volte ma sempre per le vacanze)

  4. Amo la primavera e un pochetto anche l’autunno ma perchè ho la possibilità di avere il cado dell’estate quindi il pensiero di avere sempre pioggia e buio non mi attira mica cosi tanto. Comprensibilissimo il tuo post arrabbiato

  5. Da anni sogno di visitare la Scozia che ho sempre solo visto in televisione. A dispetto del clima a me la pioggia piace e credimi che qui ultimamente sto soffrendo tantissimo complici 35/38 gradi costanti vivendo a 50 m dal mare!

  6. Vedi, guarda i punti di vista, noi ci lamentiamo del caldo umido di cui non ne possiamo più e in Scozia è arrivato l’inverno! Dai, ognuno ha le sue, comunque siamo convinte che la Scozia sia meravigliosa!

  7. Ah Serena, sai già quanto io mi senta esattamente come te. E ti giuro, mai avrei pensato che il clima potesse avere un effetto così impattante sulla mia persona, ma finché uno non prova l’autunno 12 mesi l’anno, è difficile immaginarselo. Hai tutta la mia empatia, spero veramente che presto possiate andarvene anche voi verso altri lidi più tollerabili. Nel frattempo, attenzione che trasformarsi in alga è un momento!

    1. Alga sguisciosa e lamentarsi del caldo, ahhh, sarebbe un life goal in questo momento ma scherzi a parte vedrai che alla fine moriro’ in UK e continuero’ a lamentarmi fino ai 100 anni. #SPERANZOSISSIMA

  8. Io sono fatta per il sole, pensa che qui in Australia soffro nei periodi invernali anche se di giorno sono 18 gradi! Quindi direi che il clima della Scozia non fa per me, la Scozia è bellissima, ma non ci vivrei come non riuscirei a vivere in altri paesi del nord europa proprio per le temperature. Quindi ti capisco perfettamente.

    1. Il mio inverno a Melbourne sono morta di freddo ma forse non ero ben attrezzata. 🙂 Purtroppo i paesi del nord europa hanno tutto quello che cerchiamo… tranne il sole. SIGH.

  9. Amo l’autunno e il freddo e quindi non sopporto molto il caldo di luglio e agosto😅. Sono nata in una vallata piemontese dove si accendeva il riscaldamento da settembre a giugno😳!! Però non mi piace il buio alle 4, mi mette tristezza ed é vero che incide sull’umore. In viaggio di nozze in Norvegia la guida ci ha spiegato che nel nord Europa molti soffrono di depressione anche x questo motivo. Penso che a lungo andare freddo, pioggia e buio non é che facciano benissimo. 😊

    1. Che bello il viaggio di nozze in Norvegia! 🙂 Beh, stanno molto al chiuso o a bere visto che piove e anche quello non fa benissimo all’umore.

  10. Io desto sempre un sacco di stupore nella gente quando dico che sono siciliana e odio il mare, il sole, l’estate. Come dice sempre mio zio “la cicogna deve avere sbagliato indirizzo” perché nonostante i 28 anni passati a Palermo mi trovo sempre molto più a mio agio in climi umidi, piovosi e freddi. Da circa 4 anni abito a Milano e già per me è un grosso miglioramento, ma ricordo sempre con grandissimo piacere le mie due incursioni in UK: un’estate a Bath, ero ragazzina, facevo la ragazza alla pari, su 30 giorni che son stata lì ha piovuto 28! E poi il mio meraviglioso viaggio di nozze in Scozia: avevamo pochi giorni, giusto 4, e li abbiamo passati sguazzando nella pioggia in giro per Edimburgo 🙂 Ho preso anche un brutto raffreddore ma ero davvero felicissima ahahah 😀 PS: sì, comunque, mi rendo conto di essere esageratamente entusiasta della pioggia e del freddo: al mio matrimonio, giusto alla fine della cerimonia è venuto giù il diluvio e tutti mi guardavano perché pensavano che avrei avuto una crisi isterica e invece io ero felice come una Pasqua 😀

  11. Qualche anno fa, nel mio ufficio era stata trasferita una ragazza che veniva dalla Scozia. Rimase da noi 6 mesi per un progetto, da aprile a ottobre. E per tutto quel periodo lei girò con i sandali e le infradito. E quando pioveva e io le dicevo: “ma sei venuta qui coi sandali?” lei mi rispondeva: “con questo caldo? hai idea del tempo da lupi che devo affrontare in Scozia? Per me qui è estate”. E il tuo post conferma tutto.
    PS. Scusa, sorrido, ma solo perché scrivi molto bene ed è impossibile non farlo. 🙂

    1. Stamattina vedevo una ragazzina sui 10 anni andare a scuola con gli shorts (che penso siano vietati, ora che ci penso). VORREI ESSERE COME LORO. 😀

      P.s.
      Grazie. :*

  12. Sono sempre stata attirata dai paesaggi scozzesi ma il freddo mi ha sempre trattenuta. Ma ultimamente non sopporto più il caldo e forse è arrivato il momento di scoprire davvero la Scozia!

  13. Wow mi ha sempre affascinato questo tipo di paesaggio, grazie per le informazioni, è arrivato il momento di scoprirlo.

  14. Il meteo è fondamentale nella valutazione di un posto dove vivere,e chi non lo pensa o non sa di che si parla, o ha una tempra aliena 🙂 Tra l’altro, è ben noto quanto il meteo più o meno in maniera evidente influisca sull’umore… Brava, comunque, per essere riuscita a farti una vita nonostante il tempo 🙂

  15. A inizio settembre partirò per un viaggio in Irlanda e sospetto che il clima e i paesaggi siano molto simili a quelli della Scozia 😀 Comunque anche visitare la Scozia mi attira tanto, nonostante il clima non sia dei migliori!

  16. Ho visitato la Scozia d’estate, e nonostante il freddo e la pioggia ne ho un piacevolissimo ricordo. Però anche io sono meteoropatica, e vivendo a Londra so cosa vuol dire svegliarsi con il cielo grigio!! Ma la città offre così tanto che compensa. Aberdeen probabilmente offre un pò poco per dover pure subire un tale clima…

    1. Si’, Londra ed edimburgo offrono davvero tanto. 🙂 Io ho scoperto di NON essere meteoropatica perche’ altrimenti penso che mi sarei ammazzata… 😀 AHAHAHAH! XD

  17. Ti parla un’amante viscerale della Scozia ma sufficientemente obiettiva per capire quello a cui ti riferisci. Certo che, non avendo ancora avuto modo di leggere il perché del tuo trasferimento all’estero, non è che ti sei scelta una super città 😂Ci ho trascorso un paio di notti durante il nostro on-the-road e devo ammettere che in quanto a tristezza si impegna!

    1. 1) Adoro il nome del tuo blog!

      2) Aberdeen era il mio “non ci andro’ mai”. 😀 Invece ci seleziono’ l’Universita’ e prendere questa laurea e’ stata tra le decisioni migliori della mia vita. La location NO. 😀

  18. io ho vissuto a Dublino e la mia unica consolazione era “dai pensa a quelli che stanno peggio di noi, cioè gli unici al mondo: quelli in Scozia”

    1. Ho ricevuto tanti commenti bellissimi e altri odiosi (su un gruppo FB).

      Il tuo e’ quello che mi ha fatta tanto ridere.

      Io pensavo foste voi quelli messi peggio!! Non sono mai stata a Dublino ma vedevo solo foto bagnate… 😀 😂

  19. Le prime frasi sul prendere acquazzoni mi ricordano in realtà molto Roma (mi si è rotto anche un cellulare per la troppa acqua presa), in cui arrivata in universtità dovevo mettere le scarpe ad asciugare sui termosifoni. So che sei di Roma, ma dopo sei anni trascorsi lì non ci vivrei mai più: troppi allagamenti in autunno, troppo caldo da aprile a settembre, troppo caos, pericoli e disorganizzazione. Ho apprezzato invece molto di più un autunno a Lipsia, con pioggia e -4° in bici. Detto ciò e considerando il mio odio per le alte temperature, dimmi che ce la farò a superare i prossimi tre anni ad Aberdeen!

  20. Quando sono andata ad Edimburgo pioveva a tratti e faceva freddo. Era una sensazione che mi mancava, in realta`, avendo passato tutto l’anno precedente in Florida tra sole e umidita`.. ma capisco che viverla ogni giorno e` difficile. Vedrai che alla fine esce sempre il sole.. ”Non puo` piovere per sempre” dicono. 🙂

    1. Immagino che vivere sempre al caldo sia fastidioso ugualmente.

      Il non può piovere per sempre dico spesso che l’hanno scritto per un altro paese, ahah! Piove anche oggi, governo ladro! 😀

  21. Grazie, del Belgio non sapevo nulla finché non ho incontrato la mia collega. Mi tiene aggiornata lei ora, anche sul meteo. 🙂

  22. Guarda, ti capisco benissimo. Io ho vissuto per un anno a Dublino ed era davvero difficile alzarmi tutte le mattine, guardare fuori dalla finestra e vedere solo buio e pioggia. Io sono una di quelle persone che amano gli autunni piovosi.. ma quando è così 12 mesi l’anno, no grazie! :/

  23. spero tanto di poter visitare la scozia in futuro. E’ sempre stato il mio sogno, i suoi castelli highlanders, laghi. wow. pioggia e freddo non vi temo!

  24. Che dire? Sapendo dove stavi prima di Aberdeen non posso che esserti vicina nel lutto. Melbourne climaticamente mi sta rendendo una mollacciona viziata e se mi immaginassi nel cambiamento che hai fatto tu, probabilmente la vivrei male almeno quanto te. Focalizzati sul pensiero dei lidi migliori che prima o poi di sicuro ti aspettano, con il training che ti stai sparando poi potrai andare ovunque senza fare una piega!😜

  25. Quando mi sono trasferita in Finlandia per l’erasmus c’erano -30 gradi e tre ore di buio. La prima settimana fu allucinante, il mondo era immobile, il sole sorgeva e scompariva, non esistevano riferimenti temporali degni di nota. La seconda fu entusiasmante, perche iniziai ad accorgermi che l’ora prima dell’alba tutto diventava colore indaco, che le luci dei lampioni sulla neve parevano pozzanghere, e che il mondo assumeva strane conformazioni quando lo guardavo con il ghiaccio sulle ciglia. La terza invece facevo fatica ad alzarmi dal letto, le mie occhiaie si erano affossate senza che me ne accorgessi, e iniziai a prendere la famosa pillola di vitamina D, chiamata amevorevolmente dalla mia coinquilina medico “la pillola della felicità”.
    E niente, non puoi abituarti. Non esiste modo di abituarsi. I finlandesi stessi non si abituano. Succede però che a giugno il mondo si inverte e le ore di buio diventano solo 3, ci sono 15 gradi standard, e il tramonto dura ore in cui tutto, TUTTO, diventa colore oro. E sembra quasi ne fosse valsa la pensa.
    Ecco, guardo la Scozia (da cui provengono i miei antenati e di cui sono tanto curiosa) e mi chiedo se funziona uguale. Le giornate d’estate sono troppo lunghe? Esiste quella ora blu prima Delle pallide albe invernali?

    1. So che moltissimi Italiani malsopportano il mio lamentarmi ma io, al contrario, malsopporto il negazionismo. E’ buio, fa freddo, piove. SE MI RODE MI DEVO LAMENTARE.

      Esattamente come fanno gli Scozzesi che mai mi han detto “tornatene al paese tuo allora”… 😀 XD

      Cancello la Finlandia dai paesi nei quali potrei vivere. Aahahah. 🙂 Scherzo, e’ bellissima!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.