Giugno 2017 – L’Europa mi ha salvata

Segui Amiche di Fuso.

faccio come mi pare, visa australia, visa lavoro, visto lavoro, lavorare in scozia, lavorare in europa, cittadini europei, viaggiare in europa, diritti europei, faccio come mi pare, faccio come mi pare blog, blog expat, expat

Prima di tornare in Europa dall’Australia mi sarei tatuata la parola “freedom” sulla schiena insieme a delle ali, anzi quell’idea di leggerezza l’avrei incisa volentieri sulla pelle, da me, per ricordarmi che lontano sono stata veramente libera.

Tornare in Europa non era un mio life goal, non mi interessava affatto e avrei continuato a vivere dall’altra parte del mondo più che volentieri.

L’Australia la sentivo casa mia.

Se poi torno indietro con la memoria ai tempi del mio master in Italia mi ricordo un pranzo con i miei colleghi, tutti italiani.
Uno di questi, un ragazzo che aveva studiato economia, iniziò a parlare della comunità Europea.
Lui non vi vedeva alcun vantaggio.

A me quel discorso stonava un poco ma mi veniva solo da dire: “Ma dai, non dobbiamo cambiare i soldi e possiamo viaggiare con la carta di identità”.
Argomenti un pochino deboli, no?

Dopo aver vissuto in Scozia invece ho capito che l’Europa è stata la mia salvezza.

Mi ha accolta, facendomi camminare da cittadina dal primo giorno, dandomi gli strumenti per ricominciare la mia vita.

Qui in Scozia ho studiato gratuitamente in una università che non avrei mai potuto sognare, senza dover pagare 40.000 dollari australiani l’anno per avere lo stesso titolo.
Qui sono stata curata altrettanto gratuitamente, senza dover sottoscrivere una di quelle assicurazioni che mi avrebbero portato via un mucchio di soldi, mensilmente.
Qui ho potuto lavorare senza limiti, senza bisogno di visto alcuno, sentendomi alla pari degli altri quando altrove, a causa della mia cittadinanza, non mi consideravano neanche per friggere le patatine al mc donalds.
Qui ho aperto la mia partita iva ed iniziato a lavorare senza preoccuparmi troppo delle tasse, sapendo già quanto mi sarebbe entrato in tasca di ogni pound guadagnato.
Qui ho potuto essere me, sentirmi meno un’immigrata e più una risorsa.
Qui ho ricominciato a visitare paesi prendendo un semplice volo di due ore.

Da qui sono potuta tornate in Italia per stringere i pezzi del mio cuore, anche quattro volte l’anno.

La Gran Bretagna abbandona questo sogno.
Ed in tanti non capiranno né sapranno mai cosa davvero l’Europa voglia dire né come ci si senta a percorrerne le strade da cittadini.

Non è solo poter volare con la carta di identità, è molto altro.

A me ha cambiato la vita.

Serena, Scozia

Annunci

Un pensiero su “Giugno 2017 – L’Europa mi ha salvata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...