Londra è stronza

Londra è stronza

Londra, cosa fare a Londra, visitare Londra, cosa vedere a Londra, marcato di Londra, attentato a Londra, posti da visitare a Londra, london bridge londra, piccadilly londra, lilywhites londra, sport direct londra, museo nazionale londra, musei gratuiti a londra, vivere a londra, trasferirsi a londra, voli per londra, in treno a londra, treno londra, zone londra, londra e’ stronza, lavorare a londra, due lavori londra, appartamenti londra, vivere in scozia, tornare a londra, tornare in scozia, londra dopo il brexit, london is open, crimine a londra, distanze londra, come si fa a londra, volo per londra, roma londra, edimburgo londra, londra e' stronza, londra stronza
Londra, il mio ultimo viaggio prima del coronavirus

Londra è stronza, incontrare un’amica un evento impossibile, fatto di orari che non coincidono e distanze. Mezzi da prendere e corse isteriche.

Londra è aperta, così aperta che ne vedi contraddizioni e problemi, la diseguaglianza sociale che fa paura, i quartieri divisi manco avessero fatto una linea a terra con il gesso.

Le distanze enormi, che non ti fanno arrivare mai. E allora sali e scendi dalla metro, prima che le porte si chiudano, Oyster perennemente in mano.

Londra mi stanca, fisicamente, mentre vorrei mangiarmela come le cose buone e lei, svicola, si svincola, non vuole accolli.

Non so a cosa pensassi quando da giovane mi sembravano tutti così educati, qui. Non lo sono, hanno fretta, ti sbattono contro perché sembrano sapere dove andare, anche quando sono persi. La bussola in mano, poco tempo da perdere.

Una frenesia che mi fa venire voglia di correre, Londra mi aumenta la fame e fa commuovere, bella in un modo che non avevi previsto, che non immaginavi, che non scorderai.

A Londra vuoi tornare.

Londra è sempre casa, per chi da turista la visita e sogna.

È quel posto dove tutto ti sembra grande, giusto, immenso e possibile. La favola che continua a vendere a tutti quei ragazzi che poi qui arrivano per scoprire che per quel possibile c’è un prezzo da pagare: le case condivise, un cesso da dividere in sei, il lavoro massacrante, i turni da aggiungere anche quando non ti reggi in piedi.

In cambio Londra ti darà tutto quello che ha, incapace di lesinare. Sarà tua anche quella sua luce unica, quando piove e tutto diventa bianco, elettrico. Un bagliore energetico che ti lancia nella mischia, nella vita frenetica di chi ha voglia di spingere, di emergere, di provare.

Londra è casa di tutti quegli Italiani che incontri mentre ordini un caffè, quell’accento che non si lava, che non scorre via malgrado la pioggia.

Che ti ricorda che siamo ovunque, perché di quell’ovunque vogliamo un pezzo.

Perché abbiamo fame.

Se stai pensando di trasferirti a Londra puoi leggere questo post che sarà valido fino al 31 Dicembre 2020, dopodiché la Brexit ci farà uscire dall'Europa e le regole cambieranno. Per venire a Londra avrai probabilmente bisogno di un visto ma potrai ancora trasferirti per imparare l'inglese pagando qualche corso o con un visto lavoro provvisorio. 
Annunci
L’incapacità di dare feedback dei britannici

L’incapacità di dare feedback dei britannici

feedback, ipocrisia britannici, l'incapacita' di dare feedback dei britannici, vivere con gli inglesi, come sono gli inglesi, ipocrisia aforismi, ipocrita, ipocrisia
“Anche un maiale puo’ arrampicarsi su un albero quando viene adulato”?

In tema di feedback, ho detto al mio capo che non avrei potuto lavorare uno straordinario e lui ha risposto, con un entusiasmo esagerato: “Sei una star“!

Lasciate in tasca i fazzoletti, una risposta così in Gran Bretagna non vuol dire necessariamente qualcosa di buono ma più probabilmente “stella mia, se fosse per me saresti già a chiede l’elemosina a Campo dei Fiori“.

Volete qualche prova che io non stia esagerando?

IN UNIVERSITA’, i feeback mancanti dei british

Vi presento una insegnante che mi sembrava pura luce e che al secondo anno mi comunica che i miei lavori sono “amazing, oh wow”!

Poi a quei miei lavori mette i voti e non sono mica tanto “amazing”, se mi avesse detto dove stavo sbagliando forse avrei imparato qualcosa e non mi sarebbe partito un “malimortaccitua” dalla difficile traduzione.

Ma niente, i feedback che mi sarebbero serviti sono arrivati solo una volta registrati i voti, elettronicamente.

Ho chiesto di poterne parlare per capire meglio per il futuro ma “quanto mi dispiace, ormai i voti sono effettivi”.

E già, se solo avessimo avuto tempo di parlarne durante i tre mesi che hai visto i miei lavori!

SUL LAVORO, l’incapacità di dare un feedback in UK

Vi presento il Maiale, ex collega estremamente capace di essere negligente con i disabili gravi che seguivamo assieme quando facevo la carer, anni fa.

Collega che mangiava tutto il loro cibo, metteva sulla nota spese le sue patatine fritte e la coca cola per fare i mega ruttini, dando ai disabili per cena scatolette della Heinz con una bella spruzzata di Ketchup per dare l’effetto gourmet. Il Maiale si faceva pagare 10 ore di lavoro ma arrivava sempre con sessanta minuti di ritardo al mattino e andava via un’ora prima perché “ho il cane da pisciare“.

Brava persona, poi vabbè, si scordava di dare le medicine agli epilettici ma nessuno è perfetto, dai.

Segnalato alla manager, una appena-appena meglio del Maiale, non successe nulla. Mi disse solo “grazie di avermi informata” aggiungendo mille moine, che è la traduzione britannica di “ma i cazzi tua mai? Gli occhi ce li ho, bella de casa, se volevo far qualcosa l’avevo fatta“.

Poi un giorno la Manager si congratulò con il Maiale per una banalità ma abbastanza forte da farlo scodinzolare per 20 minuti buoni, elargendo milioni di “well done, you are doing great!“.

Il giorno dopo il Maiale stava a casa dal lavoro.

Cioè era senza un lavoro, licenziata.

Se la manager avesse usato la bocca per riprendere questo personaggio o se fosse stata giusta come il suo ruolo prevedeva, forse il Maiale avrebbe imparato la sua lezione, rinunciando alla sua indole parassitaria per diventare un membro utile di questa società.

Ma siamo in UK ed è difficile che le cose te le dicano sul muso.

E’ vero che rispetto all’Italia vivi più serenamente, senza essere continuamente pungolato da consigli non richiesti e critiche continue ma saper dare (e ricevere) feedback è importante.

I feedback, le cosiddette critiche costruttive, concorrono a creare chi sei, nel mondo di lavoro, indicandoti direzione e strade da evitare.

Ricentrandoti e migliorandoti.

A mio avviso, decisamente più formativo di dire “brilliant” quando si sta pensando di licenziare qualcuno.

Quell’attenzione nel parlare tutta britannica che noi italiani prendiamo per gentilezza ed educazione, mi sa che spesso è noncuranza per i risultati ed un bel po’ di ipocrisia.

SUL TRENO PER LONDRA

SUL TRENO PER LONDRA

Sul treno per londra, faccio come mi pare, blog da leggere, blog da seguire, londra, lavorare a londra, IT londra, lavorare in inghilterra, IT inghilterra, IT scozia, expat blog

Ho pensato spesso di scrivere riguardo a questa esperienza estiva, sento che rappresenti una parte importante di questo percorso, finora ho pensato fosse difficile dargli una consistenza organica, ma ora che sono a metà di questo viaggio mi sembra che sia in qualche modo più chiaro.

Ho ottenuto un placement estivo a cui tenevo molto per una buona compagnia di Edimburgo, ricordo mia moglie entusiasta dopo aver letto l’email per prima, e ricordo in me un profondo senso di incredulità prima, entusiasmo poi, e infine ansia.

Ansia di non essere all’altezza di un’azienda con buone prospettive, ansia di non saper parlare la lingua sufficientemente bene, e ansia di essere troppo vecchio in confronto a ventenni che iniziavano a fare la stessa esperienza.

Cambiare comporta fatica e sacrifici, e in qualche modo non farcela alle volte è più rasserenante che avere qualche successo.

È molto un discorso di confidenza ovviamente, credo che aver paura non avvantaggi nessuno, e chi si butta è sicuramente in vantaggio.

Quindi quando mi chiesero quante settimane avrei voluto fare di placement, dando 8 come minimo, mi feci i conti della serva e dissi 16, dal primo giorno possibile dopo la fine degli esami, all’ultimo giorno possibile in cui inizieranno nuovamente i corsi universitari per l’ultimo anno.

Volevo prendere il più possibile da questa esperienza e dare indietro qualcosa a questa società che mi ha offerto una grande opportunità.

Una professoressa di psicologia ai tempi della mia prima laurea disse, che gli uomini e le donne non sono forgiate dai loro desideri, quanto dalle loro frustrazioni, a riprova di ciò, ho iniziato a lavorare sodo, arrivare mezz’ora prima, andare via un’ora dopo e alle volte mangiare un boccone davanti allo schermo.

Non molto salutare ovviamente è provocando qualche volta le ire di mia moglie la quale smaniava per l’opportunità di passare l’estate ad Edimburgo.

Dall’alto dei miei trentatré anni sono arrivato ad odiarmi meno, accetto questa parte di me che si sente più serena quando da troppo che quando è a riposo “that’s the nature of the beast”. Mi riprometto che un giorno sarà diverso. Mento a voce alta.

Bruce Lee diceva che l’abilità in una disciplina dipenda principalmente da quanta attenzione non divisa viene data allo sviluppo delle abilità stesse, la predisposizione esiste ovviamente, ma non va da nessuna parte senza tempo e dedizione.

Da quel punto di vista non credo di essere un granché, studio quel che devo, cerco di comprendere quello che succede e applicarlo, ma non ne faccio una ragione di vita, ma più di buona professionalità.

Ho visto in questo periodi ragazzi di altissimo valore fra gli altri interns.

Mi considero semplicemente un lavoratore che si impegna.

Questo alle volte basta a brillare se gli altri sono peggio di te, ma per raggiungere livelli più alti serve una spinta interiore, deve essere la risposta ad un bisogno profondo.

O almeno così credo.

Avendo chiesto il doppio delle settimane normalmente richieste mi sono stati assegnati due team, il primo per le prime 8 settimane e il secondo per le successive, ho già finito di sviluppare un programma per il primo,  rubando due giorni alla partenza del secondo, ma è andata bene così.

Il programma si è dimostrato più complesso di quanto previsto ma alla fine faceva il suo lavoro bene e il risultato ha portato vantaggi interessanti per il team.

Il secondo progetto è di natura più teorica e trova molto interesse nella compagnia, così come genera parecchia confusione, spesso faccio domande alle persone più appropriate dell’ufficio ricevendo risposte benintenzionate ma fuorvianti, credo stia andando nella direzione giusta e credo questo sia dipeso anche dall’aver investigato a lungo la natura del problema prima di lanciarmi nella soluzione.

Credo di avere tempi più lassi in quanto intern, e che i tempi concessi ad un programmatore inserito sarebbero molto più stretti.

A livello personale mi trovo bene con tutti, ci sono persone estremamente capaci ed è un’azienda che da molta importanza al morale, con eventi, drink e altre attività finanziate dall’azienda.

In particolare ora mi trovo su un treno per Londra per partecipare a due giorni di formazione e tre di programmazione competitiva, di mio penso che avrei preferito rimanere con la testa bassa sul progetto corrente e stare con mia moglie durante il Fringe Festival di Edimburgo, ma non c’era molta scelta e di sicuro imparerò qualcosa di interessante.

In generale mi riterrei molto fortunato ad essere considerato da questa azienda con un’offerta di lavoro successivamente, ma so che il mio inglese non è a livello degli altri (madrelingua), che forse non lo sarà mai del tutto e che mi servirebbe del tempo per comunicare efficacemente.

Se poi riuscissi a mantere la mia buona media al quarto anno avrei comunque la possibilità di uscire con una first class e avere buone possibilità con aziende simili.

Ma ci vivremmo ad Edimburgo?

Città adorabile ma con soli 500.000 abitanti, molto più piccola di Roma o Melbourne, e che già appare familiare ai miei occhi.

Buona parte di me brama stabilità, vorrei una casa da sistemare come voglio, stabilire routine, avere un cane, specializzarmi.

Il resto invece non sa’ come finirà questo Brexit sente che tradirebbe la promessa di tornare in Australia, e pensa che questa sarebbe l’ultima vera possibilità per un cambio di contesto (master pagato in Danimarca?)

Tre anni sono un periodo lungo per non mettere in dubbio le proprie convinzioni.

Quando molte cose cambiano, si fa più caso a quelle che rimangono uguali, ed oggi lasciando mia moglie alla stazione sentivo quanto fosse importante e dato per scontato l’averla sempre a fianco, con le sue idee dirette, il suo prezioso supporto, il calore o anche solo stare insieme per chiaccherare della giornata.

Oramai è quasi metà della vita che si sta assieme e sento innaturale la sua mancanza.



NO, NON VIVO A LONDRA

NO, NON VIVO A LONDRA

facciocomemipare, faccio come mi pare, blog scozia, blog aberdeen, blog edimburgo, blog da leggere, vivere all'estero, vivere in scozia, scozia, vivere ad edimburgo, expat blog
Classico esempio delle mie sere al Pub.

Quando dico che sono di Roma, la gente non si capacita che possa essere vero.

All’estero – e con quanto segue mi riferisco soprattutto agli australiani che non sempre possono permettersi un viaggio così lungo – perché è un luogo da sogno per loro, uno che non lasci, una città piena di storia e cultura dove vivono vecchietti con le pecore e la lupara, donne dai fianchi generosi e antichi romani con tanto di scudo. Chissà cosa penserebbero se sapessero che a Piazza di Spagna abbiamo il MC Donald e che compriamo la loro stessa pasta al supermercato.

In Italia invece mi chiedono sempre “ma Roma-Roma?” perché tantissimi dicono di venire dalla mia città pur vivendo nei dintorni.

Lo fanno, probabilmente, per far prima e l’ho capito solo ora che vivo in Scozia, in una città che non tutti conoscono.

Non per nulla, a Maggio, a Roma, mi è capitata questa cosa con il ragazzo del B&B che era un tipo simpatico, che quando mi ha vista al check-in ha esordito con entusiasmo, dicendo: “Si vede che vivi a Londra“. Si riferiva ai miei capelli colorati così ho domandato se fosse o meno un complimento e lui si è affrettato a dire quello che penso anche io, che in UK per certi versi – parecchi – siamo più liberi.

Solo che se seguite questo blog io non vivo a Londra e neanche ci vivrei, sono normalmente ad Aberdeen, 12 ore con il bus.

In quell’occasione ho approfittato per precisare di vivere in Scozia ma le mie parole sono cadute nel vuoto e a quanto pare nel B&B ero la londinese per tutti e Londra l’unico punto di riferimento certo in quello spazio sulla cartina chiamato Regno Unito.

Così quando hanno fatto quattro gocce d’acqua il proprietario mi ha incrociata e detto “come a Londra, eh?”, con lo sguardo sornione di chi ne ha viste tante.

E lì più che a pensare di cantargli che “oltre a Londra c’è di più”, o di dirgli di nuovo che “io vivo in Scozia ed è molto peggio”, la mia testa è partita a ricordare la mia vita precedente, quando quelle quattro gocce romane e gentili erano anche per me un clima da “Londra”.

Perché un romano che ne sa del freddo, dei cieli grigi e delle punte dei piedi sempre bagnate?

Ops, sto parlando di nuovo della Scozia però!

Perché sì, esiste anche quella.

 

 

Se avessi avuto ancora vent’anni, a Londra ci sarei finita di cuore e volentieri ma con l’esperienza dei 35 mi rendo conto che sarebbe una fatica immane e finirei di pagare una eventuale abitazione solo in punto di morte e dopo aver vissuto in una casa condivisa per un decennio (ok, qui ho esagerato). Per questo colgo l’occasione per invitare tutti a considerare la Scozia come possibile meta per il proprio espatrio, per vivere, lavorare o studiare, perché qui siamo lontani dal meraviglioso stress londinese, la qualità della vita è per certi versi più alta e la quotidianità meno complicata e competitiva.

Se il vostro solo intento è di imparare l’inglese, giuro, lo parlano anche qui!

Mano sul cuore, oltre a Londra c’è di più.