NO, NON VIVO A LONDRA

NO, NON VIVO A LONDRA

facciocomemipare, faccio come mi pare, blog scozia, blog aberdeen, blog edimburgo, blog da leggere, vivere all'estero, vivere in scozia, scozia, vivere ad edimburgo, expat blog
Classico esempio delle mie sere al Pub.

Quando dico che sono di Roma, la gente non si capacita che possa essere vero.

All’estero – e con quanto segue mi riferisco soprattutto agli australiani che non sempre possono permettersi un viaggio così lungo – perché è un luogo da sogno per loro, uno che non lasci, una città piena di storia e cultura dove vivono vecchietti con le pecore e la lupara, donne dai fianchi generosi e antichi romani con tanto di scudo. Chissà cosa penserebbero se sapessero che a Piazza di Spagna abbiamo il MC Donald e che compriamo la loro stessa pasta al supermercato.

In Italia invece mi chiedono sempre “ma Roma-Roma?” perché tantissimi dicono di venire dalla mia città pur vivendo nei dintorni.

Lo fanno, probabilmente, per far prima e l’ho capito solo ora che vivo in Scozia, in una città che non tutti conoscono.

Non per nulla, a Maggio, a Roma, mi è capitata questa cosa con il ragazzo del B&B che era un tipo simpatico, che quando mi ha vista al check-in ha esordito con entusiasmo, dicendo: “Si vede che vivi a Londra“. Si riferiva ai miei capelli colorati così ho domandato se fosse o meno un complimento e lui si è affrettato a dire quello che penso anche io, che in UK per certi versi – parecchi – siamo più liberi.

Solo che se seguite questo blog io non vivo a Londra e neanche ci vivrei, sono normalmente ad Aberdeen, 12 ore con il bus.

In quell’occasione ho approfittato per precisare di vivere in Scozia ma le mie parole sono cadute nel vuoto e a quanto pare nel B&B ero la londinese per tutti e Londra l’unico punto di riferimento certo in quello spazio sulla cartina chiamato Regno Unito.

Così quando hanno fatto quattro gocce d’acqua il proprietario mi ha incrociata e detto “come a Londra, eh?”, con lo sguardo sornione di chi ne ha viste tante.

E lì più che a pensare di cantargli che “oltre a Londra c’è di più”, o di dirgli di nuovo che “io vivo in Scozia ed è molto peggio”, la mia testa è partita a ricordare la mia vita precedente, quando quelle quattro gocce romane e gentili erano anche per me un clima da “Londra”.

Perché un romano che ne sa del freddo, dei cieli grigi e delle punte dei piedi sempre bagnate?

Ops, sto parlando di nuovo della Scozia però!

Perché sì, esiste anche quella.

 

 

Se avessi avuto ancora vent’anni, a Londra ci sarei finita di cuore e volentieri ma con l’esperienza dei 35 mi rendo conto che sarebbe una fatica immane e finirei di pagare una eventuale abitazione solo in punto di morte e dopo aver vissuto in una casa condivisa per un decennio (ok, qui ho esagerato). Per questo colgo l’occasione per invitare tutti a considerare la Scozia come possibile meta per il proprio espatrio, per vivere, lavorare o studiare, perché qui siamo lontani dal meraviglioso stress londinese, la qualità della vita è per certi versi più alta e la quotidianità meno complicata e competitiva.

Se il vostro solo intento è di imparare l’inglese, giuro, lo parlano anche qui!

Mano sul cuore, oltre a Londra c’è di più.

Annunci

48 pensieri su “NO, NON VIVO A LONDRA

  1. Pure io ho vissuto 4 anni in Colorado e per tutti stavo a New York…
    Per il resto i capelli sono meravigliosi e tu sei il mio idolo! (appena trovo un lavoro fisso e non devo più fare colloqui me li voglio fare anche io!)

    1. Colorado la nuova NYC! 😀

      Sono una bella scocciatura perche’ mi riconoscono e spottano sempre tutti, vorrei esser piu’ anonima ma a parte quello li amo. 😀

  2. Londra è bellissima, ma credo sia anche molto molto cara. Comunque sperimentare nuovi posti, al di là del clima, è semrpe un’esperienza vincente, perciò viva la Scozia

  3. Ho una cara amica che ha lasciato le sponde del lago di Garda per trasferirsi a Edimburgo e ora è una designer di gioielli che non tornerebbe mai più indietro. Certo, mi dice che un po’ le manca l’estate lunga tre mesi, ma tant’è. La Scozia ormai le è entrata nel cuore. 🙂

  4. Sicuro che oltre Londra c’è di più! Il Regno Unito è enorme, e chissà quante città, paesi e località esistono. Forse chi non è stato da quelle parti collega il senso di libertà a Londra, perché forse ne è l’icona.
    Comunque la cosa positiva, almeno per me, è che ad Abardeen ondate di caldo africano non ci sono.

  5. Londra per me è l’eterno sogno degli under 25, ma se adesso decidessi di espatriare considererei sicuramente Irlanda o Scozia. Oltre al fatto che sono bellissime, mi danno l’idea di uno stile di vita dalla qualità più alta. Non so, vedo Londra come Milano: hai tutto a disposizione, ma non hai tempo né abbastanza soldi per godertelo XD

    1. Esatto, penso uguale! E’ il sogno prima dei 30 e davvero penso sia un’esperienza che vada fatta ma ce ne sono anche tante altre (meno distruggi fegato 😀 ). 🙂

  6. Sono stata a Londra che mi è piaciuta molto, ma sinceramente non ci vivrei è sicuramente se dovessi vivere da quelle parti sceglierei di certo una realtà più piccola.

  7. Quanto mi piacerebbe vivere per un pó in una realtà come la Scozia o l’Irlanda! Magari un giorno mi butterò in quest’avventura!

    1. Ahahah, ma dai! 🙂 🙂 Fai bene cmq, e’ piu’ facile da capire… tanto alla gente non importa mai veramente. XD

  8. Londra avrei voluto tanto scoprirla e viverla a 20 anni, studiare un annetto e fare un lavoretto. Sarebbe stata una grandissima opportunità che purtroppo non ho potuto (o voluto cogliere) al momento. Qaundo leggo o ascolto storie di giiovani che zaino in spalla partono all’estero per questo tipo di esperienza, nel mio sguardo c’è tanta approvazione !

  9. Mi piace che per tutti eri l’inglese solo per i capelli colorati…scopro persone un po limitate perché di ragazze con i capelli colorati il mio paese ne è pieno e ti assicuro sono tutte marchigiane!

    1. Guarda, quando son tornata a Roma la prima volta pensavo peggio, sinceramente. Non mi ha rotto le scatole nessuno (parenti a parte XD) ma qui di teste colorate ne vedi molte ma molte di piu’ e fanno ogni tipo di lavoro. 🙂

  10. Un qualcosa di tipico: si identifica una zona con la sua capitale o, come in questo caso, con la città più conosciuta. Sembra impossibile che, in tutta la Gran Bretagna, esistano altre città rispetto a Londra. Capita spesso anche a me, quando scrivo di itinerari britannici sul mio blog. Ti contatterò visto che vivi ad Aberdeen.

  11. Io vivo un po’ più a sud rispetto a te, a York… non ti dico quante volte mi sono trovata a spiegare che no, non vivo in America e no, non vivo neanche a Londra XD

  12. Come ti capisco! Io vivo a Budapest e ogni tanto mi capita di ricevere “…Budapest è in Bulgaria/Romania/Polonia giusto?” da mettersi le mani nei capelli. O quelli che Budapest = Siberia e per loro fa sempre freddo. “Eh vabbè ma tu dovresti essere abituata al freddo” ma anche no, qui c’è lo stesso clima di Milano o di qualsiasi città del Nord Italia che non sia in montagna 😀

    1. Budapest, che incanto!! Una città bellissima e anche malinconica. 🙂

      La mia migliore amica di uni viene da li’ ed e’ bellissimo sentirla parlare del suo paese (politica a parte). Spero tu stia bene li’… 🙂

      Ci sono stata in estate e si stava benissimo, altro che Siberia, ahah!

  13. Londra non l’ho mai capita fino in fondo, certo è trendy e dinamica e tutto, ma come dici tu, con la saggezza (crediamoci dai) dei 35 anni uno di certo non ci va ad abitare. Ho visitato la Scozia nel 2017, mi è piaciuta moltissimo ma ho percepito come un alone di disagio che permeava un po’ tutto (almeno in paragone con l’Irlanda dove avevo fatto un viaggio simile l’anno prima). Però è uno di quei posti che quando ci ripensi, il ricordo si modifica poco a poco, in meglio. Adesso ne ho un ricordo bellissimo e supernostalgico 🙂

    1. Dai! Per cosa era l’alone di disagio?

      Io dopo la Scozia, in Irlanda non sento più il bisogno di andarci… XD Cambierò idea quando finirò i paesi europei da visitare? XD

      1. Ma secondo me sì! 🙂 Il disagio era perché mentre in Irlanda le persone mi sembravano mediamente serene, in Scozia tutti li vedevo più tormentati, non so spiegare bene in che modo ma avevo questa impressione tutto tempo… E poi mi aveva colpita molto la monnezza lungo le strade (intendo in macchina andando lungo le statali). Certo il meteo non aiutava!

        1. Mi stra-interessa questa cosa, pensavo di essere l’unica disagiata bwahahah! 😀

          Ad Edimburgo mi sembrano sereni ma ad Aberdeen molto tristi e molto spenti (per motivi diversi).

          Sarà il clima… XD

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.